Maturità 2019, gli indizi per l'analisi del testo

Di Maria Carola Pisano.

Maturità 2019, prima prova: gli indizi su autori e periodi da ripassare in vista dell'appuntamento con la data del 19 giugno

MATURITÀ 2019

Maturità 2019: indizi per l'analisi del testo
Maturità 2019: indizi per l'analisi del testo — Fonte: istock

Negli ultimi mesi il Miur ha dato sempre più informazioni sulla maturità 2019, sullo svolgimento della prima prova, della seconda e dell'orale. Sappiamo che le prove dell'esame di Stato hanno subito cambiamenti, e lo scritto di italiano non ha fatto eccezione. Al posto delle quattro tracce proposte negli anni precedenti, quest'anno il Miur proporrà agli studenti tre diverse tipologie: due tracce di analisi del testo, tre di testo argomentativo e due di attualità.

PRIMA PROVA MATURITÀ 2019

La revisione delle tracce fatta dal Miur è stata assegnata a una task force guidata dal linguista Luca Serianni che, intervistato dal blog laletteraturaenoi.it, ha parlato diffusamente delle novità della prima prova maturità 2019. A proposito dell'analisi del testo Serianni ribadisce che gli autori da prendere in considerazione per l'analisi del testo non sono più quelli sono del Novecento ma tutti quelli dal periodo dell'Unità a oggi. Da qui la scelta di proporre agli studenti due tracce: una delle due potrà riferirsi al Novecento o agli anni Duemila, mentre l'altra sul secondo Ottocento. Allo stesso modo, poi, una potrà essere di prosa e l'altra di poesia.

ANALISI DEL TESTO PRIMA PROVA 2019

Il linguista torna anche sulla questione del tema storico e spiega che non è stato affatto eliminato ma che, vista e considerata l'importanza della storia, si rende necessario pensare a tracce che ne valutino comunque la conoscenza. Serianni prende come esempio la prima prova dell'anno scorso: affrontare l'analisi del testo su Bassani presupponeva anche una conoscenza della storia del Novecento.

Cosa sapere sulla nuova prima prova: